Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Anche alle elementari i bambini imparano che le conifere conservano gli aghi anche in inverno, con un'eccezione, il larice. Questo colora i suoi morbidi aghi di un bel giallo in autunno e poi li perde. Tuttavia, varie cause significano che anche le specie sempreverdi perdono il loro vestito ad ago. In questo caso è necessario un preciso chiarimento delle cause.

Le conifere di tanto in tanto perdono gli aghi

Anche le conifere perdono i vecchi aghi

Tuttavia, scartare gli aghi non è sempre patologico, ma a volte del tutto naturale. Gli aghi delle conifere vengono comunque eliminati a intervalli regolari, in modo che l'albero possa crescere nuovi aghi. Poiché questo processo avviene continuamente, solo a volte è evidente, ad esempio se un albero perde un numero particolarmente elevato di vecchi aghi in un anno. La frequenza con cui ciò accade dipende dalle specie arboree specifiche: gli aghi di pino, ad esempio, vengono rinnovati ogni tre o cinque anni, mentre gli aghi di abete possono rimanere sull'albero fino a undici anni.

Cause di espulsione patologica dell'ago

Tuttavia, se l'albero perde improvvisamente numerosi aghi che in precedenza erano diventati gialli e marroni e possono anche mostrare altre cause di malattia, allora c'è un problema più serio dietro. Trovare la causa esatta non è sempre facile.

secchezza

Molte conifere perdono gli aghi durante i periodi di lunga siccità, in particolare alla fine dell'estate. Tuttavia, il gelo secco (soprattutto in connessione con il sole splendente!) e l'irrigazione insufficiente delle piante in vaso portano anche alla caduta dell'ago a causa della mancanza d'acqua. Soluzione: innaffia la conifera in modo penetrante.

Ristagno/terreno compattato

Ma il contrario può anche portare alla caduta dell'ago se l'albero è permanentemente in un terreno troppo umido. I motivi sono molteplici: annaffiature frequenti, piogge abbondanti, scarso drenaggio, terreno compatto… in questo caso l'unica cosa che aiuta è provvedere al drenaggio in seguito e migliorare il terreno a lungo termine.

Carenza di nutrienti / fertilizzazione eccessiva

Le conifere vogliono essere fertilizzate con cura perché sono molto sensibili sia alla sottofornitura che all'eccesso di nutrienti. Questo vale anche per le sostanze inquinanti dell'aria, poiché queste sono immagazzinate nelle foglie e da lì possono letteralmente avvelenare l'albero - dopotutto, gli aghi spesso rimangono sull'albero per anni.

L'albero non cresce dopo la (ri)piantagione

Lo spargimento di aghi non è raro dopo la semina o il trapianto e indica difficoltà di crescita: l'albero spesso deve nutrire le parti superiori della pianta che non sono state tagliate con una zolla ridotta, cosa che non può fare. Una potatura e un'irrigazione accurata possono aiutare.

infestazione da parassiti

I pidocchi delle piante e gli acari, in particolare, spesso fanno sì che gli aghi diventino marroni e si spargano.

Consigli

Un altro motivo per lo scolorimento e lo spargimento degli aghi è la limitazione dello spazio delle radici, ad esempio da muri o fondamenta. In questo caso, l'albero spesso non può più assorbire abbastanza acqua e sostanze nutritive.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Categoria: